Paola Ravaglia

pittrice

Realtà e percezione


 La realtà mi affascina sempre e desidero leggerla e riscriverla.
 

Il mio proposito è raffigurare qualcosa che esiste prima ancora della mia decisione di rappresentarla: la morbidezza di un petalo, la friabilità di una duna di sabbia, la luce di uno sguardo, il silenzio di una spiaggia abbandonata…

Questi aspetti del reale, attraverso la percezione diretta, sono entrati nella mia memoria ed io li rievoco nella pittura per farne immagini comunicanti. Titoli e didascalie a fianco dell’opera nascono dalla preoccupazione che l’occhio dell’osservatore non si soffermi abbastanza e vada oltre, distratto da segni più aggressivi. Vi sono artisti che non mettono titoli né didascalie; concepiscono l’immagine come uno stimolo per l’immaginazione dell’osservatore. Io cerco invece di comunicare la mia lettura, il mio ricordo. Paola Ravaglia

Un'opera

Primavera in collina - olio su tela - cm 80x120
Primavera in collina
Osservando dal Santuario della Madonna del Ghiandolino

Un pensiero

Pittura e fotografia
Per me una fotografia non è altro che uno schizzo[...]. Non riproduco fotografie.   Cerco di costruire quadri che non siano una semplice rappresentazione. Sono quadri interiori, che comp [...]
site design: (c) 2006 - Eugenio Zaffagnini; MadeWithMagic - www.magic-cms.net; all pictures (c) Paola Ravaglia